Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/prono528/public_html/wp-content/plugins/sporty-fixtures-results-sponsors/sporty-metaboxes/init.php on line 734

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/prono528/public_html/wp-content/plugins/sporty-fixtures-results-sponsors/sporty-metaboxes/init.php on line 734
Razzismo, Infantino: "Parlerò con Muntari" - Pronostici Gratis

Razzismo, Infantino: “Parlerò con Muntari”

Muntari

“Parlerò con Muntari e con Tavecchio per lavorare insieme a questo problema del razzismo. Ci battiamo e continueremo a batterci contro gli idioti che sono dappertutto”. Lo ha detto a Manama, nel corso di un meeting della Fifa, il presidente dell’ente calcistico mondiale Gianni Infantino. “Dobbiamo continuare a lavorare sottolineando il problema. Ed è giusto che cose del genere vengano fuori. Poi bisogna superarle con il lavoro”. Poi la promessa: “Parlerò con Muntari“, dopo quanto successo in Cagliari-Pescara.

Muntari

Caso Muntari, la Fifa si interessa

Al presidente della Fifa non è comunque piaciuto il comportamento dell’arbitro di Cagliari-Pescara, Minelli di Varese. “Quando un giocatore fa presente all’arbitro una situazione del genere – ha ricordato Infantino – il modo giusto di procedere sarebbe fermare la partita. E poi far diffondere un annuncio con gli altoparlanti. Poi di nuovo sospendere la partita se la cosa continua. Ma il vero problema è che certi idioti sono dappertutto”. Muntari è stato anche intervistato dalla CNN, rivelando ulteriori dettagli su una problematica che sembra ripetersi ogni domenica. “Sì, succede ad ogni partita – ha spiegato il centrocampista del Pescara -. È un problema serio, ne parliamo tanto ma gli insulti continuano a riperersi”. Il calciatore aveva abbandonato il campo durante Cagliari-Pescara per insulti razzisti arrivati dagli spalti, prendendosi una squalifica che poi la Corte d’Appello ha annullato. Il ghanese ha proposto quella che sarebbe una soluzione drastica. “Ne parliamo una-due settimane, vieni intervistato ovunque e qualcosa migliora. Poi non se ne parla per un mese e i buu tornano. Sciopero? Sono d’accordissimo, sarei il primo a prenderne parte”.

Rispondi