Pronostico Empoli Palermo - Pronostici Gratis

Pronostico Empoli Palermo

Empoli

Il 2017 del calcio italiano inizia con una sfida salvezza molto importante. L’Empoli riceve il Palermo al Castellani. I toscani sono quartultimi con 14 punti, quattro in più rispetto ai siciliani, terzultimi. Si gioca sabato 7 gennaio alle ore 18. Match valido per la  19^ giornata di Serie A. Vi proponiamo il nostro pronostico, i nostri consigli e la nostra analisi delle migliori quote e delle probabili formazioni.

Le migliori quote di Empoli Palermo

QUI EMPOLI – Problemi fisici per Barba e Costa, quest’ultimo andrà valutato in questa sosta al pari di Pasqual per capire le possibilità di recupero in vista della gara contro il Palermo. Recuperabile Saponara che dovrebbe ritrovare posto dal primo minuto, un fastidio al ginocchio mette a rischio la convocazione per Marilungo. Davanti, quindi, spazio per Mchedlidze e capitan Maccarone.

QUI PALERMO – Nei rosanero difesa diretta da Gonzalez, mentre i dubbi di formazione di mister Corini riguardano la mediana: Gazzi e Bruno Henrique, infatti, potrebbero essere preferiti inizialmente a Diamanti e Hiljemark nella gara del Castellani.

Pronostico consigliato e probabili formazioni

EMPOLI (4-3-1-2): Skorupski; Cosic, Bellusci, Costa, Dimarco; Krunic, Dioussé, Croce; Saponara; Mchedlidze, Pucciarelli. All. Martusciello.

PALERMO (3-5-1-1): Posavec; Cionek, Gonzalez, Goldaniga; Rispoli, Bruno Enrique, Jajalo, Gazzi, Aleesami; Quaison; Nestorovski. All. Corini.

Il Castellani è di fatto un campo tabù per il Palermo, che dal 2001 ad oggi ha vinto solo una volta (nel 2006). Per il resto, il bilancio racconta di quattro vittorie dei toscani e due pareggi. Data l’importanza della posta in palio, e la possibilità che questa partita possa essere decisa da un episodio, preferiamo non sbilanciarci sull’esito. Il nostro pronostico è quindi sulla giocata Gol di entrambe le squadre, pagata 2.02 da Unibet (migliore quota). Crediamo che la sosta abbia rinvigorito le due formazioni, ci aspettiamo un match attento, ma una rete potrebbe cambiare le strategie.

Rispondi