Palermo: via Baccaglini, Zamparini indagato - Pronostici Gratis

Palermo: via Baccaglini, Zamparini indagato

Zamparini
Palermo senza pace. Paul Baccaglini sembra essere definitivamente uscito di scena. La svolta societaria, attesa dal 30 aprile, non si verificherà. L’ex Iena non risponde all’ultimatum del rientrante Zamparini, che intanto ieri ha rotto gli indugi per quel che riguarda l’allenatore. Ha chiesto a Bruno Tedino di liberarsi dal Pordenone per scendere in Sicilia. Cosa che l’esperto tecnico, reduce da due semifinali playoff di Lega Pro di fila, ha puntualmente fatto. Ottenendo l’ok (sofferto) dal suo presidente Mauro Lovisa. Oggi i due imprenditori si incontrano per definire il passaggio del tecnico. Il presidente rosanero si è mosso nella sua terra d’origine, con i suoi conterranei, per tornare in sella al Palermo.

Zamparini

Zamparini e i guai con il fisco

L’annuncio del nuovo corso rosanero sarà conseguente alla soluzione della questione societaria. Zamparini sabato era stato perentorio: “Rimaniamo in attesa di ricevere entro lunedì l’accordo finale firmato e sottoscritto”. Perché secondo l’attuale proprietario da Baccaglini e soci non erano arrivate variazioni ai preaccordi firmati il 9 febbraio scorso. Nel frattempo è arrivata un’altra grana giudiziaria per Zamparini, indagato per mancato versamento dell’Iva. Figura nel registro degli indagati per un’omissione di 1,8 milioni relativi alle annualità 2014 e 2015. Un’indagine nata su segnalazione dell’Agenzia delle Entrate per la quale è arrivata la precisazione del legale del club. “La società ha già raggiunto un accordo per la rateizzazione di questo debito – dice l’avvocato Enrico Sanseverino –. Zamparini rimarrà indagato fino a quando il debito non verrà salvato, a quel punto in automatico il reato si estingue”.

Rispondi