Nicola e la scommessa: ora in bici da Crotone a Torino - Pronostici Gratis

Nicola e la scommessa: ora in bici da Crotone a Torino

Nicola

Davide Nicola ha riscritto il concetto di non arrendersi mai. L’allenatore del Crotone, confermato dalla dirigenza nonostante un girone di andata disastroso, è riuscito nell’impresa. Nessuna squadra, figuriamoci una neopromossa, era mai riuscita a salvarsi collezionando solo nove punti prima del giro di boa. I calabresi, nel girone di ritorno, hanno conquistato 25 punti. Quasi tutti negli ultimi due mesi, tenendo il ritmo della Juventus e delle altre squadre di testa. Una vera e propria impresa che l’allenatore celebrerà rispettando la scommessa fatta qualche mese fa. “Se mi salvo vado in bici fino a Torino”.

Nicola

Nicola: “Io ci credevo”

La rimonta dei calabresi è stata la cosa più bella delle ultime giornate, emozionante quasi quanto la lotta per l’Europa League. Alla fine a retrocedere è stato l’Empoli, incapace di gestire un vantaggio di 11 punti. E pensare che l’inizio era stato decisamente complicato. Prima i lavori per l’adeguamento dello stadio Ezio Scida hanno costretto la squadra di Nicola a giocare in Calabria solo dal 23 ottobre. Senza contare che la squadra era piena di esordienti in serie A, con un tasso tecnico non elevato per via di un budget lontano da quello degli sceicchi. Il tecnico imposta la squadra con un 4-4-2 prettamente difensivo. Fare gol a Cordaz non è facile, il Crotone perde molti punti nei minuti finali, anche per inesperienza. Ma onora sempre le partite, prendendo 4 gol solo all’Olimpico con la Roma. Chiuderà la stagione con 58 reti al passivo, 8 in meno del Torino, per citare una squadra arrivata parecchio più su. A gennaio parte Palladino, il giocatore più tecnico ed esperto. Ma Nicola non si scompone. A sinistra si arrangia prima con Stoian, poi dopo i problemi di salute del romeno con Andrea Nalini, l’eroe dell’ultima giornata con la doppietta alla Lazio. “Io ci credevo – ha commentato Nicola -, dal punto di vista tecnico, tattico e mentale c’è stato un grande lavoro dietro ed è per questo che non volevo sentire parlare di favola. Da Crotone a Torino in bicicletta? È la parte più facile: lo farò con grande piacere, le promesse le mantengo. Se rimarrò ? Ora penso a festeggiare, poi vedremo”.

Rispondi