Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/prono528/public_html/wp-content/plugins/sporty-fixtures-results-sponsors/sporty-metaboxes/init.php on line 734

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/prono528/public_html/wp-content/plugins/sporty-fixtures-results-sponsors/sporty-metaboxes/init.php on line 734
Milan, per l'attacco l'idea è Kalinic - Pronostici Gratis

Milan, per l’attacco l’idea è Kalinic

Kalinic

Il mercato rossonero si è fermato dopo una serie di acquisti. Adesso è il tempo di pensare al reparto offensivo, poco brillante nell’ultima stagione. Costa poco (o meno rispetto altri bomber, se preferite), aiuta la squadra con una buona dose di lavoro sporco e segna. Non tantissimo, ma comunque un discreto numero di gol a stagione. In poche parole, la giusta via di mezzo. È con questi argomenti che Nikola Kalinic pare aver convinto il Milan a puntare decisamente su di lui. Un affare più “low cost” rispetto ai nomi più altisonanti di Belotti o Aubameyang, Ma che permetterebbe a Fassone e Mirabelli di poter avere un tesoretto da investire per un altro giocatore offensivo.

Kalinic

Kalinic il dopo Bacca

La Fiorentina ha inserito nel contratto del croato, rinnovato a fine 2016, una clausola da 50 milioni. Il Milan, che ha già coinvolto il suo agente Fali Ramdani (colloqui a Cardiff in occasione della finale di Champions League), lo valuta la metà dell’importo stabilito dai viola. Al massimo 30 milioni. Una cifra che, se convincesse il ds fiorentino Corvino (ancora non contattato ufficialmente) a dare il via libera, permetterebbe al Milan di poter sognare anche un altro grande colpo in avanti. Da Aubameyang a Belotti, da André Silva all’esterno Forsberg del Lipsia, che ieri ha apertamente strizzato l’occhio. Per i rossoneri e per Montella, Kalinic non rappresenterebbe certo un’opzione di ripiego. I suoi numeri parlano chiaro: 27 gol in 69 presenze in A con la Fiorentina in due stagioni, 6 in 12 gare di Europa League. Ma i suoi meriti non si fermano al fatto di mettere il pallone in rete. Lavora molto per la squadra, tiene impegnata la difesa avversaria e favorisce gli inserimenti dei compagni. Non un top player, insomma, ma comunque un miglioramento rispetto alla situazione attuale. La giusta via di mezzo. Almeno per il momento.

 

Rispondi