Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/prono528/public_html/wp-content/plugins/sporty-fixtures-results-sponsors/sporty-metaboxes/init.php on line 734

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/prono528/public_html/wp-content/plugins/sporty-fixtures-results-sponsors/sporty-metaboxes/init.php on line 734
Milan, il closing slitta di un mese - Pronostici Gratis

Milan, il closing slitta di un mese

Sembrava tutto pronto, con l’assemblea fissata venerdì e la vittoria a Sassuolo per salutare Silvio Berlusconi. In realtà quella di domenica scorsa non è stata l’ultima partita da presidente del Milan per l’ex premier. Il closing slitta di un mese: sono emersi problemi per il pagamento a Fininvest dei 420 milioni da parte dei finanziatori. Il consorzio cinese SES ha chiesto una proroga di 30 giorni in cambio di una terza caparra da 100 milioni da versare la prossima settimana.

Closing, corsa contro il tempo

Nei mesi scorsi, i cinesi hanno versato già 200 milioni di caparra alla holding dei Berlusconi. Si profila il rischio concreto che il closing possa nuovamente slittare. In ogni caso, al momento è confermata per venerdì mattina l’assemblea dei soci, come annunciato ufficialmente dal club. “AC Milan informa che, in considerazione di quanto comunicato alla società dall’azionista di maggioranza Fininvest S.p.A. – si legge nella nota della società -. L’assemblea dei soci avrà luogo in seconda convocazione il 3 marzo 2017 alle ore 09.30 presso Casa Milan”. Emergono due possibili soluzioni. La prima è la proposta presentata a Fininvest dai cinesi. Il consorzio SES ha chiesto un’ulteriore proroga di un mese per arrivare al closing in cambio del versamento di una nuova caparra. Ossia altri 100 milioni (e sarebbe la terza), la prossima settimana. Sul tavolo della trattativa resta anche la possibilità che la data del closing non slitti e che quindi si resti al 3 marzo. Così i cinesi pagherebbero gran parte della somma precedentemente pattuita. Lascerebbero fuori dal bonifico una sessantina di milioni da versare in un secondo momento.

Rispondi