Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/prono528/public_html/wp-content/plugins/sporty-fixtures-results-sponsors/sporty-metaboxes/init.php on line 734

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/prono528/public_html/wp-content/plugins/sporty-fixtures-results-sponsors/sporty-metaboxes/init.php on line 734
La Fifa contro Trump: "Stop bando o niente Mondiale" - Pronostici Gratis

La Fifa contro Trump: “Stop bando o niente Mondiale”

Stop ai bandi e alle discriminazioni. La Fifa lancia un monito a Donald Trump e agli Stati Uniti. Candidarsi ad ospitare il Mondiale 2026 non può prescindere la questione legata alle frontiere. I vertici della Fifa hanno infatti minacciato di non prendere in considerazione la candidatura se l’amministrazione americana non cancellerà l’ordine esecutivo. Ordine che congela i visti di ingresso dei cittadini da sei Paesi a maggioranza islamica.

Belotti da Pep Guardiola?

La notizia arriva direttamente da alcuni media Usa. Secondo il presidente della Fifa, Gianni Infantino, la misura è incompatibile con le norme che riguardano i Paesi che ospitano la manifestazione dei campionati mondiali. “Qualsiasi squadra che si qualifica per la Coppa del Mondo, compresi sostenitori e funzionari, deve poter avere accesso al Paese. Altrimenti non ci sarebbe la Coppa del Mondo”.  La nazionale iraniana è l’unica che abbia un qualche trascorso significativo nella Coppa del Mondo. Ha partecipato nel 1978, 1998, 2006 e 2014, ma non è detto che da qui ai prossimi nove anni lo scenario possa includere qualcuno degli altri movimenti. È del tutto evidente che la Fifa non può permettersi di affidare l’organizzazione del gran ballo a un padrone di casa che potrebbe arbitrariamente escludere uno o più invitati. Adesso non resta che aspettare la replica del presidente Trump. La quantità di avversari extrapolitici che sta riuscendo a collezionare in queste settimane è notevole. Da Hollywood al calcio, è inviso a parecchi ambienti.

Rispondi