Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/prono528/public_html/wp-content/plugins/sporty-fixtures-results-sponsors/sporty-metaboxes/init.php on line 734

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/prono528/public_html/wp-content/plugins/sporty-fixtures-results-sponsors/sporty-metaboxes/init.php on line 734
La Chapecoense riceve la Copa Sudamericana - Pronostici Gratis

La Chapecoense riceve la Copa Sudamericana

Lacrime a fiumi. L’Atletico Nacional di Medellin, finalista colombiana della Copa Sudamericana insieme alla Chapecoense, ha deciso di consegnare il trofeo alla sfortunata squadra brasiliana. La partita non si è mai giocata per colpa della tragedia aerea che ha stroncato le vite di quasi tutti i calciatori e dello staff. In tutto 71 vittime, c’era anche gente comune sul volo di linea. La Copa Sudamericana è l’equivalente dell’Europa League. Questa notte è stata consegnata nelle mani di Plinio David de Nes Filho, il presidente della Chape. Sono passati 25 giorni da quella tragedia: era il 28 novembre.

Chapecoense: “Grazie all’Atletico Nacional”. Ed ecco due acquisti

Plinio David de Nes Filho, nel corso di una toccante cerimonia, ha alzato al cielo il trofeo. Lo ah condiviso con chi, con un gesto di grande solidarietà e umanità, ha permesso tutto questo. Ossia l’Atletico Nacional de Medellin. “Ringrazio l’Atletico Nacional per il gesto di umanità, dignità e amore – ha detto  il massimo dirigente della Chapecoense in un clima di grande commozione -. Voglio dividere questo trofeo con l’Atletico e ringraziare tutti per la grande solidarietà e l’affetto manifestatici”.

Intanto la ricostruzione è già cominciata. Nell’incidente aereo sono morti 19 calciatori, la Chape sta provando a ripartire facendo mercato. Molti club brasiliani, ma non solo, si sono offerti di prestare dei giocatori gratuitamente. E la promessa la stanno mantenendo. Sono arrivati il difensore Douglas Grolli, un ex, l’esterno offensivo Dodò (dall’Atletico Mineiro) e il portiere Elias (Juventude). Due dei superstiti, invece, tra sei mesi potrebbero tornare: si tratta di Neto e Alan Ruschel. La vita riparte da qui.

 

Rispondi