Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/prono528/public_html/wp-content/plugins/sporty-fixtures-results-sponsors/sporty-metaboxes/init.php on line 734

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/prono528/public_html/wp-content/plugins/sporty-fixtures-results-sponsors/sporty-metaboxes/init.php on line 734
Juventus, poker al Genoa: scudetto sempre più vicino - Pronostici Gratis

Juventus, poker al Genoa: scudetto sempre più vicino

Scudetto

La Juventus è sempre più vicina al sesto scudetto consecutivo. Le bastano 73 secondi per ridurre la sfida con il Genoa a un’amichevole, quelli tra l’autorete di Munoz e la solita rasoiata di Dybala. Solo un po’ di più – come riportato da La Stampa – per farne un luna park, di piroette, gol, pali, traverse. Non c’è stata partita. Troppa Juve, per fisico, voglia e ovviamente classe, e troppo poco Genoa. Anzi, niente. Nella sua semplicità, il 3-0 del primo tempo (sarà 4-0 alla fine), è un messaggio potente e definitivo al campionato. Dopo il Barcellona, un duello che ti consuma muscoli e nervi e ti può barattare la concentrazione con la presunzione, ci si poteva aspettare una squadra stanca, sazia, distratta. E invece no.

Juventus

Juve, dopo il Barcellona altro passo verso lo scudetto

Di fronte a un avversario che stava a 50 punti di distanza, e quindi avrebbe pure autorizzato inconsuete distrazioni, la Juve s’è presentata con la modalità da combattimento, andando dritta al sodo. Come da un mese a questa parte, Allegri ha dosato un massiccio turnover, con sei cambi rispetto alla notte di Barcellona, ma ritrovandosi con lo stesso prodotto seriale. D’ordinanza anche l’assetto, il 4-2-3-1 che dura ormai da 21 partite, ma con qualche nuova mansione. Lichtsteiner al posto di Cuadrado e Barzagli terzino destro, nonostante il centrale avesse parlato con il tecnico, perché quel ruolo non l’ama troppo. La ragion di Juve, e di vittoria, dev’essere evidentemente superiore, a tutto e a tutti.

Al di là della vastità dell’arsenale bianconero, che pure pesa, l’incolmata differenza della Juve rispetto alla concorrenza si conferma in sere così. La fame supera sempre la fama. Dalla Roma al Napoli, capita a ogni big di lasciare qualche punto contro avversari di ben inferiore cabotaggio. Alla Juve succede solo durante le sfilate autunno-inverno. In primavera, quando si decide lo scudetto, mai. Senza mai togliere il piede dal gas, visto che la ripresa è stata un tiro a segno. Gran gol di Bonucci, doppio legno di Marchisio (traversa) e Higuain (palo). Poi anche di Asamoah. Epilogo. La Roma ha passato la notte a -11 e stasera sarà obbligata a vincere, tanto per cambiare. Comunque vada, a 5 giornate alla fine, la Juve potrà sbagliare due partite: facile no?

Rispondi