Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/prono528/public_html/wp-content/plugins/sporty-fixtures-results-sponsors/sporty-metaboxes/init.php on line 734

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/prono528/public_html/wp-content/plugins/sporty-fixtures-results-sponsors/sporty-metaboxes/init.php on line 734
Cutrone non si ferma più: quattro gol in sei partite - Pronostici Gratis

Cutrone non si ferma più: quattro gol in sei partite

Cutrone

Per Patrick Cutrone, il giovanissimo bomber dei rossoneri, arriva la benedizione di Ariedo Braida, storico direttore sportivo del Milan e attualmente con lo stesso ruolo nel Barcellona di Lio Messi. “Questo Cutrone -ha detto Braida ai microfoni di ‘Radio anch’io sport’- è un ragazzo molto interessante, ha il senso del gol, si trova al posto giusto nel momento giusto, il suo è un dono naturale, un dono che hanno in pochi. E’ un goleador nato, farà tantissimi gol”. L’ex dirigente rossonero (“il Milan è sempre nel mio cuore”) ritiene che la formazione di Montella possa arrivare fra le prime quattro. La società “ha comprato tanti giocatori, è complicato mettere insieme una squadra e farla andare subito al meglio, ma ha tutte le possibilità per farlo. Il Milan può arrivare fra le prime 4”.

Cutrone

Cutrone è il vero colpo del Milan

Secondo gol su due in campionato, quarto in sei presenze. Non si ferma mai, fa salire la squadra nei momenti di apnea. Ha una capacità di sentire il momento buono “alla Belotti”, tanto per citare uno degli obiettivi di mercato di Fassone e Mirabelli. Come si fa a rinunciare a uno così? Difficile che possa partire negli ultimi giorni di mercato. Dopo André Silva e Kalinic, le gerarchie lo vedono scalpitante. Gerarchie che però sta riscrivendo a suon di gol. Il Milan si è messo l’anima in pace e dopo Kalinic non dovrebbe arrivare nessun altro, anche grazie all’esplosione del giovane attaccante. La nota negativa sarà la discontinuità, inevitabile. Ci sarebbe piaciuto vederlo titolare in una squadra piccola in Serie A, di fronte a 38 partite da protagonista. Certo, questo scenario potrebbe anche prendere vita a Milano…

Rispondi