Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/prono528/public_html/wp-content/plugins/sporty-fixtures-results-sponsors/sporty-metaboxes/init.php on line 734

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/prono528/public_html/wp-content/plugins/sporty-fixtures-results-sponsors/sporty-metaboxes/init.php on line 734
Allarme Bernardeschi: "Ho un infortunio raro" - Pronostici Gratis

Allarme Bernardeschi: “Ho un infortunio raro”

“Sto cercando di recuperare il prima possibile”. Queste le parole di Federico Bernardeschi, uno dei prospetti più interessanti del calcio italiano. Il numero 10 della Fiorentina è fermo da un po’. E a Radio Deejay ha spiegato il perché. “Purtroppo il mio infortunio è piuttosto raro, un edema osseo all’interno della caviglia che richiede tempo e mi ha fatto saltare anche la Nazionale”.

Bernardeschi

Bernardeschi, il problema è la caviglia

“C’è da fare uno sforzo in queste nove partite e voglio essere in campo”,- ha aggiunto Bernardeschi. Il calciatore viola ha problemi dal 12 febbraio, ossia dalla gara contro l’Udinese. Durante la partita, infatti, si è fatto male alla caviglia. Ha stretto i denti, anche grazie a qualche infiltrazione non si è tirato indietro, giocando anche la doppia sfida di Europa League col Borussia Moenchengladbach. Si è poi fermato, saltando la gara col Crotone e il doppio impegno in azzurro, non ci sarà neppure domani contro il Bologna. E sul suo rientro, a questo punto, non è possibile fare troppe previsioni. La speranza è che possa tornare in campo, per la Fiorentina e per la Nazionale. Nel frattempo continuerà a soffrire in tribuna. Anche questo contribuirà a renderlo uomo simbolo della società, dato che ormai è amatissimo dai tifosi viola.

E ancora. “Obiettivi? Voglio crescere ogni giorno, posso ancora migliorare. Per raggiungere obiettivi importanti è necessaria una cultura del lavoro, senza distrazioni lontano dal campo. Mi ispiro a Cristiano Ronaldo, uno che ha costruito il suo talento con l’etica del lavoro, non come Messi ha un talento naturale donato da Dio”. E infine un giudizio su Berardi. “Ho un bel rapporto con lui. È più un esterno d’attacco, a me piace più giocare al centro, sono più trequartista. Mi adatto a tutto, nel calcio moderno non possiamo fermarci ad un solo ruolo”.

Rispondi